Il linguaggio dei fiori III

Ecco il significato dei fiori incontrati oggi:

Rododendro: stai attento

Il rododendro, considerato il re degli arbusti tra le piante da fiore sempreverdi dei paesaggi temperati, è un simbolo di eleganza, di bellezza e di temperanza in virtù della moderazione. Nel linguaggio dei fiori, è anche il fiore per suggerire cautela in vista di insidie, dettata dalla tossicità di alcune specie di rododendro. Antichi rituali e incantesimi magici sfruttavano invece i rododendri per i potenti poteri di protezione, in particolare dell’abitazione. Il significato del rododendro è anche quello di fragilità e incanto, queste due caratteristiche presenti nella pianta, si possono presentare anche in giovani donne, le quali non avendo ancora conseguito esperienza di vita, si lasciano ancora trasportare dalla balia degli eventi, essendo in questo modo persone fragili e facilmente attaccabili da chi vuol prenderle in giro, soprattutto quando elle sono dotate di bellezza tale da essere definita incantevole. Per questo motivo spesso si può richiamare sull’attenti questo tipo di ragazze, se elle ci sono amiche, ma anche quando sono sorelle o semplici conoscenti. Il modo più semplice per farlo è regalarle dei rododendri, poiché esse posseggono le stesse caratteristiche e incappano negli stessi pericoli che questo fiore presenta, ovvero quello di poter essere facilmente distrutto da tutti, basti solo un po’ di vento o di pioggia, ma se questo viene posto in un luogo sicuro, ovvero se metaforicamente la ragazza sta più attenta il pericolo è scampato, e la sua bellezza preservata.

 
Mughetto: felicità ritrovata
 
È il simbolo di portafortuna e della felicità ritrovata. La leggenda vuole che San Leonardo vinse un combattimento contro il diavolo, ma comunque ferito, le gocce del suo sangue caddero a terra dando origine ai bianchi campanellini del mughetto.
 
Pervinca: teneri ricordi

È stato il fiore prediletto da Jean Jacques Rosseau. Essa cresce spontaneamente quasi in tutta l’Europa. Presso i Celti, la pervinca era particolarmente cara agli stregoni, che la utilizzavano per confezionare pozioni ed infusi. In alcuni Paesi, i suoi fiori venivano sparsi davanti agli sposi come gesto benaugurante; in altre regioni, i suoi rami venivano incrociati per ricavarne corona da porre sulle tombe. Il valore simbolico della Pervinca è legato al ricordo; regalare una Pervinca esprime il desiderio di lasciare e conservare un dolce ricordo.

Crisantemo bianco: verità
Il Crisantemo, che per noi è il fiore dei morti, in Cina, Giappone e nei paesi anglosassoni è simbolo di gioia, vitalità e pace. In Cina e Giappone viene regalato alle Spose, in Inghilterra in occasione delle nascite. Il crisantemo rosso significa ti amo, bianco significa verità.
 
Vischio: supero tutti gli ostacoli
Gli antichi ritenevano che il vischio avesse poteri magici, forse per il particolare modo in cui si sviluppa, o forse per il fatto che spesso si trova sulle querce, alberi ritenuti sacri per i druidi gallici; sono infatti i druidi gallici che ci hanno tramandato le usanze che riguardano il vischio; nell’antica gallia le bacche venivano utilizzate nella medicina popolare, inoltre l’intera pianta veniva molto usata nei riti magici, ed era utilizzata come augurio per il nuovo anno.
Anticamente si riteneva che il vischio si sviluppasse sulle piante colpite dal fulmine, da questo si ricavava una derivazione divina della pianta, che quindi veniva utilizzata per preparare medicamenti, ma anche nel corso di riti magici e religiosi.
Nel periodo natalizio viene utilizzata per le decorazioni sulle porte, come simbolo di gioia, di fertilità, e di buonaugurio; molte popolazioni nell’antichità utilizzavano infatti il vischio come cura per varie malattie, tra cui la sterilità. Anche oggi gli estratti di vischio vengono utilizzati in erboristeria, per favorire la guarigione da moltissime malattie.
 
Menta piperita: calore di sentimenti
 
Pioppo bianco: tempo
 
Cactus: amore appassionato
 
Eliotropio: affetto devoto
  
Peonia: rabbia, vergogna
 
Fiore di nocciolo: riconciliazione
 
Orchidea: bellezza raffinata
 
Tiglio: amore coniugale
 
Gerbera: allegria
 
Giunchiglia: desiderio
 
Ranuncolo: il tuo fascino è radioso
 

Bocca di leone: presunzione

Annunci

2 pensieri su “Il linguaggio dei fiori III

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...