Arriva Zazie, quando la libreria diventa emotiva

Per chi non l’avesse ancora letto sul Corriere o altrove, da oggi apre ufficialmente i battenti  il nuovo network sui libri, tutto all’italiana. Si chiama Zazie, ispirato al libro di Queneau.

Il paragone con Anobii (anche perché quest’ultimo vuole essere una risposta ad esso) è automatico, ma per ora non mi sento di dare ancora giudizi definitivi. Personalmente sono molto affezionata ad Anobii, dove mi sono sempre trovata molto bene. Mi piace molto, però, di Zazie, l’idea di poter inserire i mood, specialmente per una come me che dà grande importanza alle sensazioni ed emozioni che un libro suscita. Mancano però delle emozioni adeguate da abbinare ai libri gialli o thriller, che possano indicare paura o mistero o qualcosa di simile. Anche l’emozione ammirazione manca… ho notato insomma qualche pecca in questo senso (anche il fatto di non poter predefinire un ordine preciso dei libri mi infastidisce un po’, così mi sembra tanto disordinata e a casaccio la libreria…), ma penso che col tempo abbia ancora tempo di perfezionarsi. Come ogni progetto, all’inizio deve prima bene ingranare.

Dateci comunque un’occhiata, vale la pena e il design è molto carino! Io seguo gli sviluppi e dopo che l’avrò un po’ utilizzato vi aggiornerò sul suo funzionamento 😉

Per chi fosse interessato, la mia libreria zaziana 😀 la trovate qui. Se lo desiderate, aggiungetemi pure!

Se volete iscrivervi andate direttamente su Zazie.it.